macchine in coda

Il balletto degli euro

Non gli euro intesi come moneta corrente, bensì quelli a cui fanno riferimento le classificazioni degli automezzi, da EURO 0 ad EURO 5,  per determinare il grado di inquinamento prodotto.

 

Da anni, ormai,  ogni inverno le Autorità competenti emanano direttive per consentire o vietare la circolazione ad alcune tipologie di veicoli a seconda della  loro classificazione.

 

E’ difficilmente contestabile la necessità di porre alcuni limiti, anche perché la tutela della salute di tutta la cittadinanza non può  essere subordinata alle esigenze di mobilità di una parte della stessa.

Più difficile è comprendere come non sia possibile individuare una azione condivisa (ad esempio con i comuni limitrofi, che spesso emanano direttive diverse da quelle della città di Torino), e coerente nel tempo, evitando tutti gli anni il “balletto”, appunto, delle classificazioni EURO che devono sottostare a particolari limitazioni.

 

Sarebbe auspicabile che le direttive venissero deliberate in sede regionale,  tenendo se mai conto della diversa densità di traffico, certamente una aggravante dell’inquinamento.  Così Torino e la prima cintura, vedranno applicate norme più restrittive, mentre i comuni più distanti dalla metropoli avranno normative maggiormente permissive.

 

Tutto questo anche per facilitare il rispetto delle norme stesse, poiché è risaputo che la eccessiva complessità e frammentarietà delle disposizioni, provoca molto spesso una sostanziale mancanza di rispetto delle stesse.   D’altro canto, è davvero difficile richiedere ad  un automobilista che debba raggiungere Torino da un comune della seconda cintura, di informarsi – prima di intraprendere il trasferimento- su quali siano le normative vigenti in ciascuno dei comuni che dovrà attraversare.   Egli non lo farà,  o non riuscirà ad acquisire tutte le informazioni necessarie, e correrà il rischio di infrangere qualche disposizione.  Risultato. Una contravvenzione per lui, ed un aggravio di inquinamento per tutti.  Se si moltiplica per il numero di veicoli che viaggiano ogni giorno ………