Bollino blu

Bollino blu

Non tutti sono al corrente della prossima abolizione dell’obbligo di eseguire ogni anno, presso le officine che sono autorizzate, i controlli che consentono il rilascio del cosiddetto “bollino blu”.

Da settembre, infatti, tale obbligo è abrogato per tutti i veicoli appartenenti alla categoria EURO 3 e successive, mentre rimane in vigore per le classificazioni EURO 2 e precedenti.

Si tratta di una semplificazione degli adempimenti a carico degli automobilisti i quali, già vessati dalle limitazioni del traffico che “consigliano” l’acquisto di vetture a basse emissioni, vedono scomparire un ulteriore balzello  (di entità per altro contenuta) ma, soprattutto, vedono eliminato il rischio di dimenticarsene ed incorrere quindi, in caso di controlli,  in sempre sgradite sanzioni.

Rimane invece in vigore la normativa che disciplina la revisione delle vetture e dei veicoli commerciali fino a 35 q.li a pieno carico. La prima revisione deve essere eseguita trascorsi quattro anni dalla data di prima immatricolazione e, successivamente, deve essere ripetuta ogni due anni.   Conviene porre grande attenzione a questi adempimenti in quanto la mancata revisione, oltre a comportare pesanti sanzioni e temporanea indisponibilità del veicolo in caso di controlli, può essere motivo di gravi problemi con la Compagnia Assicuratrice che, in caso di sinistro provocato da un veicolo privo di regolare revisione, può opporre un rifiuto o esercitare il diritto di rivalsa per il risarcimento dovuto alla controparte.